La Storia sotto casa (Monumenti Aperti 2012)

monumenti aperti cagliari.jpg

monumenti-aperti-2012-quartu-sant-elena-oristano-alghero-calasetta-sant-antioco.jpg

Anche quest’anno la manifestazione Monumenti Aperti ha regalato fantastici scorci di Cagliari e Quartu Sant’Elena. L’aspetto entusiasmante di questi eventi culturali è che rendono sorprendentemente interessanti i luoghi davanti ai quali passiamo tutti giorni per andare al lavoro, all’università, a fare la spesa; i musei, le chiese, le case campidanesi si vestono a festa e alcuni tesori dimenticati vengono aperti per l’occasione ai cittadini che, stupiti, si chiedono dove mai fosse nascosta tutta quella “storia”: la banale città di ogni noioso lunedì mattina appare improvvisamente preziosa…  si, Monumenti Aperti riesce a farti sentire come un turista nella tua città, una bella sensazione in tempi di crisi.

 

Vi racconto un domenica mattina a Quartello.  Il sole è quasi estivo tanto è luminoso, ma soffia un fastidioso vento piega-piante che ha il solo merito di diffondere per il quartiere il concerto della Banda Musicale di Quartu Sant’Elena: è il tipo di musica che evoca il senso di appartenenza a qualcosa di più antico, paesano… uso questo aggettivo con un’accezzione assolutamente positiva, sia ben chiaro.

035.JPG

 

 

Quando arrivo al Giardino dei Fortini la Banda già si sta disperdendo ed alcuni visitatori si avvicinano incuriositi alle postazioni militari che per Monumenti Aperti sono state allestite dai volontari dell’Associazione Progetto Quartu 900: è piacevole scoprire che le alte erbacce che nascondevano i Fortini sono state finalmente eliminate; la speranza è che i Fortini non vengano abbandonati, ora che Monumenti Aperti si è concluso.

006.JPG

Per la storia dei Fortini vi rimando al post precedente, ciò che desidero raccontare oggi è il piacere di vedere un patrimonio storico valorizzato e la bellezza di ascoltare i volontari, che raccontano con passione aneddoti, storie di soldati in un passato non tanto lontano, in fondo.

010.JPG

E’ stato emozionante scendere nei Fortini e osservare il panorama circostante dalle feritoie per le mitragliatrici, immaginando cosa doveva vedere un soldato 70 anni fa, quando Quartello non esisteva, cosa doveva provare nello scrutare il Golfo di Quartu col terrore di vedere apparire il nemico pronto per uno sbarco in Sardegna. Non sarebbe stata una visita altrettanto emozionante, se fosse mancato il racconto dei volontari di Progetto Quartu 900: la “voce narrante” è fondamentale, perchè serve ad appassionare, oltre che a conoscere. Come avrei saputo, altrimenti, che i Fortini dovevano essere costruiti in cemento armato ma, vista la scarsezza di materiali dell’epoca, le costruzioni erano in realtà alquanto fragili? Non avrei saputo che i camminamenti di collegamento fra i vari Fortini esistono ancora e forse, nonostante alcune parti siano crollate, si potrebbero recuperare e mostrare al pubblico, rendendo la visita al sito ancora più interessante. Non avrei saputo che nelle vicinanze i terreni erano minati e che due soldati, durante le operazioni di disinnesco, sono morti. Non lo sapevo, no, e non so come si chiamavano, quei soldati, o quanti anni avevano: mi auguro che Progetto Quartu 900 riesca nell’intento di ricordarli attraverso un segno, un’iscrizione che non ne cancelli il ricordo per sempre.

018.JPG

Quanto è importante valorizzare i Fortini, dunque? Non si tratta solo di evitare che vengano seppelliti dalle erbacce, ma di lasciare che svolgano la loro funzione di “monumentum”, il ricordo di un passato che spesso non si riesce a tramandare: non credo esista un modo migliore di appassionare bambini e adulti alla storia che raccontare e per suscitare interesse può bastare una bicicletta, chissà, quella su cui ha pedalato un giovane soldato per raggiungere la sua postazione d’osservazione…

 

039.JPG

Un saluto,

Della

La Storia sotto casa (Monumenti Aperti 2012)ultima modifica: 2012-05-15T21:07:41+00:00da dellafrye
Reposta per primo quest’articolo

One thought on “La Storia sotto casa (Monumenti Aperti 2012)

  1. vania

    è interessantissimo questo post!
    ah come vorrei venire a visitare Quartu… prima o poi spero di venire!!!
    un bacio!!!!

I commenti sono chiusi.